sábado, 26 de mayo de 2012

Cime Tempestose e Vertice sul Cambiamento Climatico, due storie comparate

Nel romanzo Cime Tempestose –Wuthering Heights, l’unico romanzo scritto di Emily Brontë-, si racconta una storia drammatica, tragica. La trama si sviluppa in due fasi, in una fattoria, chiamata Thrushcross e in una Villa di una ricca famiglia, che si trova sulla cima di una collina non lontana dalla fattoria. Secondo molti analisti, nel romanzo è complesso scoprire la simbologia nascosta dei personaggi e l’ambiente. Si dice che la cima è una sorta di inferno e la fattoria dei Thrushcross è il cielo, il paradiso.
Non è difficile indovinare la ragione di questo, le scene più violente e più indolenti sono quelli appartenenti alle cime, mentre la parte tranquilla e silenziosa alla fattoria. Si tratta di una storia di crepacuore, di odio e di follia, di vita e di morte. Inizia con l’arrivo alla fattoria di un bambino, portato dal padre di famiglia da altrove. Non sappiamo da dove è uscito questo bambino che ben presto distruggerà completamente la tranquilla vita della sua famiglia adottiva e quella dei suoi vicini. Alcuni autori ritengono che i personaggi coinvolti in questo melodramma sono l’alter ego l’uno dell’altro.
Infine, Cime Tempestose è una storia affascinante e senza affetto, una vendetta che dura fino alla fine, e un capriccio che andrà ancora più in là. Si tratta, in breve, di una tragedia complicata.
Il Vertice sul Cambiamento Climatico, dal modo in cui si sono svolti, rientra nella categoria di storie romanzate. Drammatico lo stile delle migliori soap opera di “Corin Tellado”, oltre tragiche, tempestose e imbarazzante. Drammatico, perché il pianeta deve ora affrontare le peggiori inondazioni, siccità, e un allarmante aumento del livello del mare a causa del surriscaldamento causato da un secolo di industrializzazione. Qualora il tasso attuale di emissioni di anidride carbonica (CO2) derivanti dalla combustione di combustibili fossili, prevede per il 2100, una temperatura media della Terra tra 1,8 e 4 gradi centigradi, che di superare i 2 gradi, le conseguenze saranno incontrollabile. Negli ultimi cento anni la temperatura è aumentata in media di 0,74 gradi e il livello del mare è salito tra il 10 e 20 centimetri dalla scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e nell’Artico e l’espansione termica dell’acqua a seguito del calore.
Gli scienziati più ottimistiche stimano che il mare si alzerà tra i 18 ei 59 centimetri in più entro il 2100. Per altri scienziati più prudenti stimano per i prossimi 50 anni che la piena può essere compresa tra uno e due metri rispetto al 1990. Colpendo a milioni di persone che vivono in costiera, delta dei fiumi, sulle rive di laghi o la completa scomparsa di interi paesi del Pacifico, come le Maldive e Kiribati, che saranno sommersa da due metri sul livello del mare. L’uomo ha rotto il fragile equilibrio dell’effetto serra, un fenomeno naturale per cui il vapore acqueo, CO2 e altri gas trattengono il calore che irradia la Terra. Con attività come combustione di combustibili fossili (soprattutto carbone e petrolio) e la deforestazione siamo passati di emettere nell’atmosfera circa 2.000 milioni di tonnellate di CO2 nel 1850 a 35.000 milioni attualmente, di cui meno della metà vengono assorbiti dagli oceani e dalle foreste.
Tragico, tempestoso e imbarazzante, perché con il Vertice di Cancun, sono stati fatti 16 vertice sui cambiamenti climatici (Vertice di Berlino, Vertice di Ginevra, Vertice di Kyoto, Vertice di Buenos Aires, Vertice di Bonn, Vertice dell’Aia, Vertice di Marrakech, Vertice di New Delhi, Vertice di Milano, Vertice di Buenos Aires, Vertice di Trieste e Vertice di Cancun). Mega Vertici come il di Bali, Rio de Janeiro e Johannesburg o mini-vertici, come Cochabamba. Oltre a questo, 5 mila attivisti ambientalisti sono stati arrestati per disturbo dell’ordine pubblico durante questi eventi. Cioè, 16 incontri sui cambiamenti climatici, per non concordare su nulla. O concordare tra alcuni, ma senza compiere. Imbarazzo mondiale, dal modo in cui si continua ad affrontare il destino del pianeta Terra e tutti i suoi abitanti.
A differenza del romanzo Cime Tempestose, i principali attori coinvolti in questi Vertici -i rappresentanti dei paesi più inquinanti- non nascondono le loro responsabilità e se sono chiari nell’ambiente che li toccano. Si fanno sentire come i padroni e signori del Palazzotto, del pianeta. E comunque sono degli indolenti. La fine delle due storie è la stessa: L’indifferenza verso la natura, l’odio e la follia della razza umana, e la vita impegnata di persone innocenti sulla soglia di una grande tragedia. La soluzione è nelle mani di coloro che fanno i vertici. È, nell’azione da ciò che facciamo oggi, dalla più locale, più quotidiana, per contribuire a preservare la natura. La missione di salvare il mondo è il compito degli ambientalisti. Dove la vostra ragion dessere è quella di difendere la vita fino all’ultimo battito cardiaco, senza esclusione di nessuna specie. Lenin Cardozo | ANCA24 – Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia

miércoles, 23 de mayo de 2012

Acqua del rubinetto

Noi siamo cresciuti nella quotidianità di aprire il rubinetto e vedere uscire l’acqua. Quel suono dell’acqua è diventato familiare, al punto tale che per secondi quasi ipnotizza ad ascoltarlo. Da piccolo, sono rimanevo impressionato dalla forza del getto quando aprivo completamente quella “chiave magica”. A volte giocavo e bevevo acqua dal rubinetto fino a scoppiare, e solo così calmavo la mia sete. Non mi ricordo che alcuna volta mancassi l’acqua. Per me era come l’aria, era normale, sempre c’era. Sono diventato adulto e sembra che crescendo abbia cambiato anche la realtà per l’accesso all’acqua.
Ora, non tutti i giorni c’è, quando arriva è di un colore marrone è bisogna aspettare che sia chiara. Impensabile per molta sete che io abbia, possa bere direttamente dal getto. Ma anche così, io sono ancora un grande fortunato perché dal rubinetto della mia casa ancora, anche in modo irregolare, l’acqua esce.
Nel mondo solo circa un miliardo dei 7 miliardi di persone che lo abitano, hanno il privilegio di avere l’acqua nel rubinetto nella loro casa. Cioè, di ogni 7 persone, una è utente di tale impianto. America ed Europa sono i continenti che in gran parte dispongono di questa struttura.
Tuttavia, l’accesso all’acqua del rubinetto al 100% potabile sta diminuendo, dobbiamo esercitare misure estreme: filtrare, bollire. Poiché la maggior parte delle dighe sono violate dalle varie forme di inquinamento. Vi è anche, nei 5 continenti, una alta popolazione senza accesso all’acqua potabile -circa 900 milioni di persone-. In America Latina e nei Caraibi, si stima che 100 milioni di persone nella regione non hanno acqua pulita, essendo questa popolazione la più sensibile alle malattie diarroiche. Le conseguenze correlate con il consumo di acqua contaminata provoca più morti ogni anno nel Continente Americano rispetto a qualsiasi tipo di violenza, sono i dati diffusi dalle Nazioni Unite in occasione della celebrazione della Giornata Mondiale dell’Acqua.
Quando abbiamo avuto l’acqua del rubinetto in abbondanza, eravamo felici e non lo sapevamo. Lenin Cardozo | ANCA24 - Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia

Nel 2030, la moneta forte sarà il litro d’acqua in Occidente e la ciotola di riso cinese

Tutto indica, che entro 18 anni, il baratto sarà uno dei più forti sistemi economici, in particolare nello scambio di cibo e acqua potabile. Di conseguenza, il dollaro e l’euro cesseranno di essere così preziosi in Occidente per essere spostati dal litro d’acqua potabile, così come dalla ciotola di riso di 700 grammi, che sposteranno il yen giapponese e il yuan cinese, come principali valute asiatiche.
Le potenze di più capacità di guerra, controlleranno le poche riserve d’acqua dolce rimaste in ciascuno dei continenti. L’acqua sarà razionata per arrestare a più di tre miliardi di nuovi persone assetate che nasceranno nel 2030, ugualmente, massimizzeranno i loro guadagni economici e lo scambio di questa nuova ricchezza, per essere gli unici possessori di questa risorsa. Final del formulario Conseguenza diretta dello scioglimento dei ghiacci polari aumenterà l’acqua degli oceani e provocherá la penetrazione di sale nei corpi d’acqua dolce. Queste inondazioni costiere saranno intensificati a tal punto che si presume la scomparsa delle isole del Pacifico, provocando un esodo di massa dei suoi abitanti verso i continenti. Ciò significa che in Asia avrà meno territorio, per la coltivazione, e più persone in cerca di terre da abitare.
Il riso, sarà controllato principalmente dalla Cina, e nel mercato dei cambi sarà la ciotola 700 grammi, l’equivalenti al cibo da una famiglia di 3 membri al giorno e si affermerà come la valuta più forte del cibo. Si stima che, anche tale regione produce circa 1000 milioni di tonnellate entro il 2030, questi volumi non saranno sufficienti per soddisfare una parte della fame nel mondo che scoppierà. La Russia nel frattempo, ha lottato per imporre il Pane di 500 grammi come moneta di cibo, per essere loro i produttori di grano, ma solo riusciranno ad utilizzarlo nella sua zona di influenza, perché hanno appena coperto con precarietà, la domanda della regione e dei paesi della sua orbita.
Il il subcontinente latinoamericano, svilupparà la sua propria moneta di scambio o baratto, e la chiamerà la ciotola di fagioli di 300 grammi. La carestia in Latinoamerica si mitigerà più che in altre parti del mondo, grazie alla ciotola di fagioli che ci salverà. Almeno un pò di fagioli avremo da mangiare.
Africa, diventerà il continente ostaggio. La migrazione fuori di questo vasto territorio saranno vietate. La carestia e la mancanza di acqua potabile flagelleranno al continente. Tecnologica e militarmente chiuderanno le loro frontiere. Sarà il grande ghetto del secolo 21. Il continente sarà escluso dalla comunicazione globale, in modo di ridurre l’ansia del proprio popolo di cercare nuove aspettative di vita.
Così, staranno le cose nel 2030. Lenin Cardozo | ANCA24 - Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia

domingo, 20 de mayo de 2012

Agua en el grifo

Crecimos en la cotidianidad de abrir la llave de un grifo y ver salir el agua. Ese sonido del agua cayendo se nos hizo familiar, a tal punto que por segundos casi hipnotiza al escucharlo. De pequeño, me impresionaba la fuerza del chorro cuando abría por completo esa "màgica llave". A veces llegaba de jugar y tomaba agua del grifo hasta casi reventar, solo así calmaba mi sed. No me acuerdo que alguna vez llegara a faltar. Para mi se asemejaba al aire, era normal que siempre estuviera.
Me hice adulto y pareciera que al crecer también cambio la realidad para el acceso al agua. Ahora no está todos los días, cuando llega, viene de color marrón oscuro y hay que esperar a que se aclare. Impensable por mas sed que tenga, pueda beberla directamente del chorro. Pero aun así, se que sigo siendo un gran afortunado porque del grifo de mi casa todavía, así sea de manera irregular, sale agua.
En el mundo solo alrededor de mil millones de los 7 mil millones de personas que lo habitan, disponen del privilegio de tener agua en el grifo de su casa. Es decir, de cada 7 personas, una es usuaria de esa facilidad. América y Europa son los continentes que mayoritariamente disponen de este servicio.
Sin embargo, acceder al agua en el grifo 100% potabilizada es cada vez menor, hay que extremar medidas: filtrarla, hervirla. Debido a que la gran mayoría de los embalses, estan vulnerados por las distintas formas de contaminación. Existe también, en los 5 Continentes, una alta población que no tiene acceso al agua potable (alrredor de 900 millones de personas).
En América Latina y el Caribe, se calcula que 100 millones de habitantes de la región, no disponen de agua limpia, siendo esta población la más sensible a las enfermedades diarreicas. Las consecuencias relacionadas con el consumo de agua no potable provocan cada año más víctimas mortales en el Continente Americano que cualquier tipo de violencia, es el dato difundido por la ONU con motivo de la celebración del Día Mundial del Agua.
Cuando tuvimos agua en el grifo en abundancia, fue la etapa donde éramos felices y no lo sabíamos.

Pronosticano la grande guerra per l’acqua potabile

Sembra che il conflitto con l’Iran, per la sua gestione dell’energia nucleare, sarà l’innesco alla prossima guerra nel secondo decennio del secolo. Il formato è lo stesso di quello dell’Iraq. Le cose non sono chiare, è meglio intervenire. In questa “attività” saranno chiamati 65 milioni di iraniani che vivono in quel territorio e qualche d’uno in più dei suoi alleati naturali contro l‘esercito di occupazione. I persiani di nuovo, faranno quello che più hanno saputo fare da sempre.
Tuttavia, anche quando questo accada, il maggior richiamo di guerra di questo secolo non sarà in quella guerra. La madre della guerra, come è annunciato dagli apocalittici, sarà per il controllo di cibo e acqua potabile. Ciò è confermato dal rapporto elaborato dai militari canadese chiamato, “Il contesto della futura sicurezza del 2008-2030”, dove avanzano alcune iniziative per mitigare o controllare di ciò che è previsto che accadrà.“Le forze armate si stanno preparando per rispondere in ogni angolo del planeta, dovuto alle guerre regionali e possibili atti violenti per la competizione delle risorse naturali. Le future operazioni militari a causa della moltiplicazione delle rivolte provocate dalla fame porterà a intensi combattimenti”. Rivela il documento.
Tra i molti fattori di destabilizzazione del pianeta per i prossimi anni, l’impatto ambientale è al centro dell’attenzione di tale rapporto. “In tutto il mondo, si verificheranno fenomeni meteorologici sempre più violenti e sempre più legati ai cambiamenti climatici che richiederanno di interventi militari, dalle missioni di soccorso alle vittime di catastrofi naturali fino alle operazioni di stabilità su larga scala”. Le Forze canadesi ritengono che la lotta tra gli stati sarà per il controllo delle risorse come l’acqua e il cibo e aspettano il peggio delle situazioni. Il rapporto prevede nei paesi economicamente fragili, lotte interne per il controllo delle risorse, sarà particolarmente sotto forma di guerriglia o di orde armate organizzate per i saccheggi.
In un periodo di 20 anni, i problemi ambientali e la scarsità d’acqua e cibo, comporterà il rischio di destabilizzazione in regioni intere. “Si prevede che le pressioni causate dai flussi migratori e di rifugiati o degli sfollati porterà ad una scalata delle tensioni etniche, religiose o territoriale, instabilità e, eventualmente, una crisi di governo in questi stati. Questi effetti si manifestano soprattutto nella zona costiera, dove abita il 75% della popolazione mondiale, specialmente tra i gruppi di persone, i settori economici e le località sensibili alle variazioni climatiche, dal punto di vista economico o ecologico”.
Secondo gli analisti militari, gli effetti del cambiamento climatico avranno conseguenze gravi e catastrofiche, in particolare sullo scioglimento delle calotte polari, aumento del livello del mare, crescente desertificazione e il calo dei rendimenti delle colture in alcune regioni (in particolare Africa), la trasformazione degli habitat, estinzione di molte specie e la crescente diffusione di malattie tropicali in zone temperate. L’innalzamento del livello del mare e lo scioglimento dei ghiacciai certamente aumentare la superficie di terra perse, mentre che l’infiltrazione di salinità e l’inquinamento ridurrà l’accesso alle risorse di acqua potabile. La produttività agricola in Africa precipiterà. “La perdita di terreni agricoli a causa della desertificazione condurrà ad una diminuzione dei raccolti del 50%”. Inoltre, “i ghiacciai del Himalaya scompariranno senza dubbio prima del 2035, che priveranno 750 milioni di abitanti della regione dell’Himalaya-Hinde-Kush e la Cina della sua fonte d’acqua potabile”.
Mentre tutti stano prendendo le loro “precauzioni”. L’agenda politica latinoamericana, agisce con indifferenza alle tematiche ambientali. La sicurezza alimentare, la crescita della popolazione e l’acqua potabile, sono temi lontani perché non ci sono voti nell’immediato. Difficile, per non dire missionario o chisciottesco, il percorso degli ambientalisti, per avvertire ciò che sta per arrivare. Sarà come dicono nel mio paese, a ciò che sta per venire: “che Dio ci prenda confessati”!
Lenin Cardozo | ANCA24 - Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia

Nuvole d’acqua e gli alberi nella ecopoesia di Carlos Augusto León

Prima dell’accettazione linguistica definitiva del termine ecologia -ciò che i francesi dicono ”avant la lettre”- in alcuni dei primitivi poeti hispano-americani giá c’era la preoccupazione e l’ira per l’avida distruzione dell’ambiente naturale in questo Continente, il Nuovo Mondo.
A questo proposito, su questa preoccupazione, nello spazio letterario venezuelano si sono potuto trovare questi illustre nomi: Andrés Bello (Caracas, Londra, Cile, XIX secolo), José Antonio Maitin (Choroní, stato di Aragua, XIX secolo), Abigail Lozano (Valencia XIX secolo, in Venezuela), José Ramón Yépez (Maracaibo, XIX secolo), nel XX secolo tra i suoi rappresentanti più cospicui sono Juan Beroes (San Cristobal-Caracas 1914-1975), Carlos Augusto León (Caracas, 1914-1997 .)
Carlos Augusto León si ha occupato nelle sue liriche abbondanti di dissimili aspetti del suo tempo: l’amore, l’arte, la scienza, lo sociale, lo politica, l’amicizia, la pace, la famiglia, ma attraversa tutti questi orizzonti delle sue composizioni un denominatore comune il suo intenso amore per la natura selvaggia alla pari con la sua angoscia dolorosa davanti al progressivo deterioramento dell’ambiente, il paesaggio, a causa della irresponsabilità di molti coperti dalla indifferenza degli altri, questa complicità dissimulata ha portato quale immediato corollario l’impoverimento dei molti livelli dell’esistenza di humanus. Tra i molti versetti dello scrittore Carlos Augusto León sul particolare offriamo ai lettori due poemi.
NUVOLA D’ACQUA
Venite al “tranquero”, Nuvola d’Acqua, Nuvola d’Acqua… (Canzone di mungitura, Venezuela). Per migliaia di anni, Ogni giorno, Nuvola d’Acqua… La vede avvicinarsi il contadino, assetato per la propria terra e comincia a sentire una intima e umida gioia.
È “acqua del cielo” che era una volta dei fiumi e il mare, quella che a essi ritorna e a innaffiare coltivazioni o semplicemente a fare piccole pozze dove giocano i bambini. Nuvola d’Acqua. Fiore del più alto stelo, nuvola candida, che si porta il vento e dove tu vada non è altro che pioggia pura, benvenuta.
Ora ci sono altre nuvole, quelle del amaro fumo, di acidi nascosti, scorie atomiche, di veleni che esalatano le città. ¡Come era chiara l’aria, quando solo c’era nuvola d’acqua, la stessa che ha dato nome a una mucca, Nuvola d’Acqua, Nuvola d’Acqua prima! Dalle sue Poesíe: El río fértil. Caracas, UCV, 1980, p. 440.
VOGLIO CANTARE UN ALBERO
Agli studenti della 5° elementare della Scuola Rurale Guaicamacuto, che mi hanno chiesto una poesia. Voglio cantare un albero nella loro bellezza breve: le sue foglie di gioia, il tronco di fermezza. Voglio cantare la linfa che passa per le sue “entrañas”, più pura del torrente che scorre tra le montagne. E la radice nascosta, modesta nel suo compito: alimentare l’albero senza che nessuno la veda.ta nel suo compito: alimentare l’albero senza che nessuno la veda.ontagne. E la
Voglio cantare qui il vivente legno che sarà l’immobile letto o la barca che viaggia. Voglio cantare il fiore che fa felici i sensi e il frutto dove sperano i sapori addormentati. Voglio cantare un albero nel suo esatto verdeggiante, senza aggiungere nulla tranne il mio amore. E voglio che i bambini scherzino nella sua ombra e ascoltino come il vento tra i rami gli nomina. Dalle sue Poesie, El río fértil. Caracas, UCV, 1980, p. 66.
Lubio Cardozo, venezuelano ecopoeta Tradotto da: http://lenincardozo.blogspot.com/2012/05/nubes-de-agua-y-arboles-en-la-ecopoesia.html Lubio Cardozo, Nubes de agua y árboles, en la ecopoesia de Carlos Augusto León. Jueves, 3 de mayo de 2012.
Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia

jueves, 17 de mayo de 2012

La triste sorte degli alberi molto utile: il caso del Palo de Mora

L’albero di PALO DE MORA può misurare oltre 30 metri di altezza con un diametro ottimo di 50 cm. Ha bisogno per arrivare a quella altezza almeno di trenta anni, ma, si spera, che può prolungare la sua esistenza a più di dieci anni e nel frattempo abbellisce il paesaggio, ossigena l’atmosfera. Il suo nome scientifico è Chlorophora tinctoria (L) della famiglia Moraceae. Vasti tratti di questa pianta ha occupato i territori tra gli altipiani centrali e tutta la Cordigliera della Costa del Venezuela, fino a 600 metri sul livello del mare.
La sua ricchezza intrinseca è: a) molto resistente alle intemperie, duro, di lunga durata in acqua, proprio per il lavoro di ebanisteria per la loro buona reazione alla lucidatura, per la falegnameria in genere, e la costruzione navale. b) Contiene un lattice abbondante o resina da cui si ottengono due coloranti potenti che si conoscano nel settore chimico con i nomi dei “morina” e “maclurina” usati per tingere lana, seta, pelle, nylon. c) Dalla corteccia dello stelo si estrae una stoppa gommosa usata nel calafataggio delle navi. I frutti molto nutriente in fruttosio, la vitamina C, dal sapore ricco, raffinato sono il complemento della dieta dei bambini di campagna. Ebbene, queste bontà naturali del PALO DE MORA incitò l’avidità dei rapinatori della foresta, che ha portato quasi all’estinzione di questo splendido abitante della giungla. Il suo status di albero selvatico scomparse, e oggi è visto solo nei parchi, strade, giardini di residenze private.
Molto poco si sa, del disboscamento vissuto in Venezuela, in modo molto aggressivo dalla prima tappa della Colonia fino alla fine del XIX secolo. Europa, in particolare Germania, Inghilterra e Spagna, gran parte del loro mobili ed edifici di quell’epoca sono stati fatti di legno Venezuelano. Per il nostro porto principale, La Guaira, navi speciali per il trasporto di “rolas” di legno facevano code interminabili per caricare i nostri alberi di alto fusto. Interessante infatti l’approccio tedesco: loro ci abbattono i nostri boschi, e i loro boschi sono intoccabili. Loro abattono le foreste degli altri.
Già il botanico Henri Pittier ci aveva avvertito nel 1926, del brutale sfruttamento del PALO DE MORA. Scrive nella prima edizione del suo: Manual de Las Plantas Usuales de Venezuela, Caracas, List del Comercio, 1926, p. 324: “Per gli anni 1870-1890 ci fu una grande esportazione di questo legno dal Venezuela, tanto che oggi ci sono pochi alberi di grandi dimensioni nei quartieri vicino al porto di imbarco”. [Commento degli editori: La distanza tra il porto di Cumana, all’estremità orientale a nord del paese e il porto di Maracaibo –estremità occidentale nord- e tra questa linea costiera ci sono gli importanti porti di La Guaira e Puerto Cabello, vale la pena informare: che comprendono tutta la Cordigliera della Costa, oltre tutti gli altipiani centrali, e sono circa il 30% del territorio di questa nazione].
Intanto il botanico Jesús Hoyos, come un modo per salvare questo degno rappresentante della flora nazionale il PALO DE MAORA, raccomanda nel suo ùltimo libro, Frutales en Venezuela, Caracas, Sociedad de Ciencias Naturales La Salle, 1994, p. 351, quanto segue: “Può essere utilizzato come albero di riforestazione nelle zone calde del paese. Questo contribuirebbe anche alla promozione della fauna selvatica”. Azul Ambientalistas simpatizza con la raccomandazione del dottor JesÚs Hoyos, ma il compito è chiaramente in maiuscolo, significa una sfida patriottica per le dipendenze responsabili della conservazione della flora e fauna dello Stato venezuelano. Ma, ci sono queste dipendenze, avrebbero interesse in essa?
Ora è tempo di scrivere l’altra storia, quella che narra il saccheggio delle nostre foreste ancentrasle, la nostra fauna selvatica. Le vene aperte che hanno lasciato “i conquistatori” nel Continente Verde, cosí come lo chiamò 212 anni fa, Alexander Von Humboldt, quando scoprì la nostra straordinaria natura.
Lenin Cardozo | ANCA24 - Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia