martes, 31 de marzo de 2015

Desde Sanzibar salimos al Parque Ecoturistico "Caño 2 Bocas"



Cuentan que la hermana misionera Lourdes vino  del África Occidental  y cuando  llego por esos caminos de Dios a Carraquero, ahí descubre  un lugar que a ella le connotaba gratos recuerdos, se le pareció mucho a un sitio donde compartió también con otros misioneros en ese viejo Continente: Sanzibar, lo que es hoy una provincia semiautonoma dentro del territorio de la actual  República de Tanzania. Ya de eso ha pasado más de un siglo, pero Sanzibar como nombre de un pequeño poblado en Carrasquero del Municipio Mara quedo.



Ahí en un acogedor parador llamado con el mismo nombre,  tomamos la lancha que nos llevara al "Caño las 2 Bocas" un canal lleno de historias y leyendas que a continuación vamos a contar.


Desde el Parador y Terminal Fluvial Sanzibar, usted puede ir en lancha, a precios muy económicos, a 5 nuevos destinos turísticos.  A tres muy concurridas playas de río: Playa Candelaria, Playa Moquendo y Playa La Ponchera. A la Laguna de Sinamaica, que desde Sanzibar el trayecto es mas corto y al Caño 2 Bocas que por su enigmática belleza es declarado por el Ciudadano Gobernador parque ecoturistico. 






Apenas salimos del Terminal de Sanzibar,   a escasos 5 minutos nos encontramos con el "Puente del Ahogado". La leyenda narra que hace muchos años atrás hubo una terrible creciente del rió y un visitante de Colombia que se bañaba en una playa donde estaba el puente,  fue sorprendido por el violento pleamar  y desapareció entre las turbulentas aguas.  Ahora cuentan que siempre lo ven corriendo por el puente anunciándose  "Soy el fantasma del ahogado".


En uno de los recodos del caño, encontramos un inmenso Roble, llamado por los lugareños el Roble del negro Miguel.  Supuestamente  ahí fue enterrado un esclavo prófugo de los españoles de nombre Miguel que unió su vida con los guerreros Añus en la defensa de esas tierras.  El africano muere de viejo y donde reposa su cuerpo  nació un Roble que se nutrió de él.




El recorrido termina, cuando llegamos a la "Casita del Centinela". Se dice que en ese sitio exactamente se mantenía un centinela Añu para visualizar cualquier paso de los colonizadores.  Por generaciones estuvieron  centinelas en ese lugar. Vale la pena subir la cuesta y observar el verdor de un inmenso Eneal que bordea el lugar.






Sanzibar se encuentra a 25 minutos de la Ciudad de Maracaibo. Un gratificante paseo para ir en familia.  



Ambientalista zuliano nuovo consulente ambientale dell’UNEP (Nazioni Unite): Gustavo Carrasquel. Intervista


Gustavo Carrasquel, ha una lunga carriera come giornalista nella specialità del giornalismo ambientale. Tra l’altro, mestiere, quasi inesistente nel mondo fino ad anni recenti, dove potessimo dire, senza ombra di dubbio, che nelle Americhe, questo tipo di giornalismo è nato nel Zulia.

E per sostenere quanto sopra, siamo testimoni da più di un decennio dell’impegno fatto da Carrasquel dirigendo, ininterrottamente, con molta disciplina e creatività i giornali digitali "Canal Azul 24 " (www.canalazul24.com),  come la sua versione in inglese "Blue Channel 24" (www.bluechannel24.com), l’Agenzia di Notizie Ambientalista per le Americhe "ANCA24" e il web  di "Azul Ambientalistas" (www.azulambientalistas.org). E qui bisogna risaltare la classifica fatta dal famoso sito americano di affari e tecnologia  Business Insider, che pone "Blue Canale 24", nella sua  disciplina giornalistica, tra i primi 100 siti web più visitati al mondo.

Faccio questa intervista per riconoscere l'importanza della designazione di Gustavo Carrasquel come Consulente Ambientale delle Nazioni Unite attraverso l’UNEP per il periodo 2015-2019.

Lenin Cardozo: Gustavo, capisco che la nominazione come Consulenti dall'UNEP, passa attraverso un complesso processo di selezione degli esperti e che questi in precedenza, i Consulenti,  devono essere nominati da istituzioni riconosciute o un Governo Regionale. Ci sono circa un migliaio di domande ricevute ogni anno per queste posizioni. Chi ti ha postulato per essere consulente ambientale?

Gustavo Carrasquel: In realtà questo non è stato un fatto casuale o determinato dalla puntuale postulazione di alcuna istituzione in particolare. Sono stato molti anni interagendo con l’UNEP, attraverso iniziative come il Programma Ecoscuola, che ha contato con il loro sostegno, inoltre, abbiamo lavorato direttamente con la proposta di organizzare effemeridi ambientali. Dall’allora, abbiamo deciso di celebrare nelle Ecoscuole, date stabilite dalle risoluzioni delle Nazioni Unite. Così abbiamo iniziato ad avere un'agenda comune con l'UNEP e incoraggiamo i tirocini,  workshop e conferenze nell'ambito della Giornata Mondiale delle Zone Umide, Mangrovie, dell’Acqua, della Terra e gli altri.

Abbiamo anche ricevuto congratulazioni in diverse occasioni da questo organismo dovuto al nostro disciplinato sforzo di comunicazione per informare al mondo sugli avvenimenti ambientalisti, ecologisti e conservazionisti che accadono nelle Americhe.

Sono stato convocato direttamente, ho consegnato le mie credenziali e la nominazione è stta fatta dall'UNEP e la GEO-6.

LC: Perché i nostri lettori possano capire di più, quale è la portata della tua nuova responsabilità,  per favore spiegaci meglio cosa è l’UNEP?

GC: Il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente, PNUMA (UNEP per il suo acronimo in inglese) è un programma delle Nazioni Unite che coordina le attività legate all'ambiente, per assistere i paesi nell'applicazione di appropriate politiche ambientali nonché di promuovere lo sviluppo sostenibile.

L’UNEP è stato creato su raccomandazione della Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Umano (Stoccolma - 1972).

La sua missione è quella di fornire una leadership e incoraggiare una partnership per  salvaguardare l'ambiente, informando e addestrando alle nazioni e ai popoli per migliorare la loro vita senza compromettere quella delle generazioni future.

Le sue attività coprono una vasta gamma di argomenti, dalla atmosfera e gli ecosistemi terrestri, la promozione delle scienze ambientali e la diffusione di informazioni relative all'emissione delle avvertenze e la capacità di rispondere alle emergenze legate ai disastri ambientali.

Il lavoro dell'UNEP sul cambiamento climatico si concentra sugli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra, soprattutto attraverso la promozione delle energie rinnovabili e una migliore efficienza energetica così come stimolare lo sviluppo di un mercato del carbonio. L'UNEP ha anche partecipato attivamente negli sforzi per ridurre i rischi e migliorare la resistenza della società ai cambiamenti climatici, in particolare attraverso il suo sostegno attivo per lo sviluppo di programmi di adattamento nazionali che sono i piani nazionali che affrontano gli effetti cambiamento negativo del clima.

Infine l’UNEP aiuta ai paesi meno sviluppati per ridurre la vulnerabilità e aumentare la resistenza agli impatti dei cambiamenti climatici. L'UNEP costruisce e rafforza le capacità istituzionali nazionali per la valutazione della vulnerabilità e la pianificazione dell'adattamento, e appoggia gli sforzi nazionali per integrare le misure necessarie per adeguarsi al cambiamento nella pianificazione e le pratiche di gestione degli ecosistemi.

LC: Ma ci dicono che sei consulente di un altro ente all'interno dell'UNEP chiamato il GEO-6, cos'è questo organismo?

GC: Global Environment Outlook (GEO), che sono il suo acronimo in inglese, è la sesta edizione del rapporto di punta di UNEP "Prospettiva Mondiale per l'Ambiente", che si basa nei processi di valutazioni regionali, che creano un quadro completo dei fattori ambientali, che contribuiscono al benessere umano, accompagnato da un'analisi delle politiche, che porta ad una maggiore realizzazione degli obiettivi e obiettivi ambientali.

Si tratta di un processo consultivo e partecipativo che sviluppa la capacità per la realizzazione di valutazioni ambientali integrate per la rendicontazione in ogni regione.

Offre inoltre uno spazio online dove i professionisti attivi di GEO e le parti interessate possono lavorare insieme e condividere le idee in modo interattivo (Comunità di Pratica). Le partnership sono la pietra angolare del processo punta di GEO, appoggiando la crescente domanda di dati migliorati e giustificati, la conoscenza contestualizzata sull'ambiente generato dalle comunità di pratica.

LC: Come nuovo consulente delle Nazioni Unite, sarà presente una area in particolare all'interno della grande tematiche ambientale?

GC: Andiamo con la premessa di promuovere l'educazione ambientale. Basandoci sui punti di forza come una organizzazione a sua volta basata sulla scienza, riteniamo che la nostra esperienza e la conoscenza acquisita attraverso lo studio, la ricerca, il monitoraggio e la diffusione delle informazioni sul continente americano ci sarà molto utile per questa organizzazione.

Conosciamo bene la realtà dell'America Latina e dei Caraibi, una regione ricca di diversità di ambienti, ecosistemi, specie e culture che comprende 7 dei paesi mega diversi. La regione è divisa in quattro sub-regioni: Mesoamerica, i Caraibi, la Regione Andina e il Cono Sud e ciascuno ha una serie unica di caratteristiche, priorità e sfide ambientali. Abbiamo sviluppato ricerche e pubblicazioni su ciascuna di queste sub-regioni, che ci permette di fornire consulenza puntuale e fare raccomandazioni molto precise ed accurate.

Noi appoggeremo lo sviluppo delle capacità, dell'analisi e il dialogo politico a livello nazionale e internazionale, per trovare le risposte alle domande fondamentali circa i rischi sociali e ambientali attualmente.

Noi sosterremo i programmi dell’UNEP e cercheremo di completareli ai nostri come Ecoescuela, Ecoaziende ed Ecoparchi, per fornire alternative per la partecipazione dei cittadini.

Parteciperemo nel "Meeting Regionale Consultivo di Gruppi Principale e Attori di America Latina e il Caraibi 2015", che sarà preparatoria per le varie riunioni ed eventi di 2015, 2016 e 2017.

Noi saremo come Membri della Commissione Esperti in America Latina e i Caraibi per la Preparazione della Relazione "Prospettiva Mondiale per l'Ambiente" (GEO6, per il suo acronimo in inglese) dell'UNEP. Sarà pubblicato a metà 2017 .

Siamo stati, siamo e saremo ciò che siamo sempre stati, ambientalisti disposti ad aiutare coloro che non hanno voce.

LC: Gustavo mi congratulo con te! Solo la tua fede di abbracciare questo apostolato, ti ha fatto davvero un esperto di questioni ambientali. Dove questo incarico di consulente ambientale dell’UNEP  lo ratifica. Senza patrocinatori, “Padrini”, solo con la conoscenza acquisita ti sei fatto strada sull’unica via che può salvare l'umanità, l'ambientalismo in sua difesa dalla natura. Successo sempre fratello!!!



Gustavo Carrasquel, giornalista  ambientalista venezuelano | ANCA24 – Lenin Cardozo, ambientalista venezuelano | ANCA24 – Hugo E. Méndez U., giornalista ambientalista venezuelano | ANCA24 Italia

In Zulia, il canto delle cicale annuncia l'avvicinarsi della Pasqua



Cantando al sole,
come la cicala
dopo un anno
sottoterra,
così come supérstite
che ritorna dalla guerra.

María Elena Walsh, poetessa argentina

Le cicale arrivano a marzo alle nostre foreste e boschi, per dire addio ad aprile o maggio. Da sempre il canto delle cicale è presente fra noi. Vederle negli alberi o giocare con i suoi gusci vuoti, è ricordare l'infanzia.

Sulle strade percorse a marzo:  Chaktapa, Yapotopona, Totumena, Mecocal, Consejo de Ciruma, La Williams, Los Manantiales, Sansibar, Carrasquero, Japreira, di questo splendido paradiso terrestre chiamato Zulia, abbiamo sentito in quei luoghi il canto rauco di questo insetto unico.

Hanno una sviluppo vitale che dura dai 2-17 anni. Vivono sepolte in uno stato larvale, sotterraneo. Dopo diversi anni di essere tra le radici degli alberi, la larva diventa una ninfa e lascia il suolo, ed è pronto a mutare per diventare adulto. Trascorrono più di un decennio nel buio sotterraneo della terra  e circa un mese alla luce del giorno prima di morire. La loro unica missione in questi ultimi giorni è la riproduzione.

Le cicale  si nascondono tra le foglie degli alberi. Da qui esprimono il loro canto. Dopo il tramonto è quando cantano intensamente. Alcune lo fanno in coro sincronizzato, altre cantano singolarmente. Quello che sappiamo è che inchiodato ai tronchi degli alberi tremano quando lanciano le note e non si sa se il suo canto è una canzone d'amore o un gemito di dolore. Esse si protegono nella corteccia degli alberi e depongono le loro uova sui tronchi. Poi le uova cadono a terra ed è  così quando vengono sepolte.

Sono insetti singolari che richiedono più tempo per riprodursi che per morire. Alcuni gli chiamano cicale ed altri “chicharras”. Appartengono alla famiglia dei cicádidos. I quali sono i più noti dell'ordine degli insetti homopteri.

Nei tempi antichi, sono state molto apprezzate dai greci per il loro avvertimento puntuale dell'arrivo della primavera.

Esse non mordono e non pungono, sono innocue e il loro scheletri servono come fertilizzante per gli alberi.

Questi insetti gli caratterizza la loro struttura corporea. Sono spessi e robusto, hanno una lunghezza di 10 a 50 mm. Hanno quattro ali trasparenti, percorse da venature scure che nella posizione di riposo formano un tetto sul corpo dell'insetto.

Esse se fissano agli alberi con le loro 6 gambe. Ci sono di colore marrone, verde, nero o grigio. Le cicale, come molte persone li chiamano, sono facilmente riconoscibili perché portano in testa 3 ocelli che sono gli occhi semplici e due antenne che inoltre li aiutano a catturare tutto ciò che accade intorno a loro.

Dal punto di vista scientifico gli esperti dicono che il canto delle cicale è sentito nei giorni di caldo intenso, ma è solo un segnale di accoppiamento.

Solo i maschi hanno dell'organo produttore del suono che si trova alla base addominale, chiamato “timbales”.

Cantano in primo luogo per attrarre le femmine per formare una coppia riproduttiva. Si ritiene che la canzone è utilizzata come un corteggiamento.

I maschi si accoppiano con il maggior numero possibile di femmine e le femmine depongono da 500 a 600 uova. Dopo tutti muoiono.

La coincidenza del suo canto annuncia la Quaresima o Pasqua ed ha a che fare con le prime piogge di aprile.



COME LA CICALA

Tante volte mi uccisero,
tante volte io morii,
ma comunque sono qui
resuscitando.

Ringrazio la disgrazia
e la mano con il pugnale,
perché mi uccise così male,
e proseguii cantando.

Cantando al sole,
come la cicala
dopo un anno
sottoterra,
così come supérstite
che ritorna dalla guerra.

Tante volte mi cancellerano,
tante scomparsi,
al mio funerale andai,
solo e piangendo.

Feci un nodo nel fazzoletto,
ma mi dimenticai dopo
che non era l'unica volta
e proseguii cantando.


Cantando al sole,
come la cicala,
dopo un anno
sottoterra,
così come superstite
che ritorna dalla guerra.

Tante volte ti uccisero,
tante resusciterai
quante notti trascorrerai
disperando?

E al’ora del naufragio
e a quella del buio
qualcuno ti salverà,
per andare cantando.

Cantando al sole,
come la cicala
dopo un anno
sottoterra,
cosí come supérstite
che ritorna dalla guerra.

María Elena Walsh, poetessa argentina









Lenin Cardozo, ambientalista venezuelano | ANCA24 – Hugo E. Méndez U., giornalista ambientalista venezuelano | ANCA24 Italia