viernes, 11 de mayo de 2012

Il linguaggio del secolo XXI, Il linguaggio ambientalista

La questione è diventata più complessa in modo che i diversi saperi sono costretti a convergere, per dare vie di uscite, risposte ad una unica preocupazione, che è quella di salvare il pianeta. Portando così alla costruzione di un nuovo linguaggio, il nuovo linguaggio della scienza, il linguaggio ambientalista. Discipline quali la biologia, botanica, zoologia, ecologia, tassonomia, geografia, geologia, astronomia, oceanografia, meteorologia, idrologia, medicina, antropologia, sociologia, filosofia, tra le altre, si sono riunite per parlare il linguaggio del secolo XXI. La sfida è quella di impararla, di trasferirla, insegnarla, a diventare missionari di questa nuova lingua, fare di questa causa un ministero, un apsotolato e predicare, con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione, la profondità di ciascuna delle sue parole. È l’ultimo vangelo, l’ultima occasione per unire le forze e fermare gli squilibri ambientali che abbiamo prodotti finora attraverso il secolo XX.
Non c’è alcun modo di ignorare la realtà ambientale del pianeta Terra. La Madre Terra stessa si è incaricata di farci pagare con insteresi alti la nostra indifferenza, il nostro consumo eccessivo, la nostra azione predatora ed egocentrica. Siamo sempre più soli, con minori opportunità di sognare un futuro dove siamo stati condannati a morte molto tempo prima di arrivare. Allora dobbiamo imparare il linguaggio della vita, armonia, equilibrio, ponderazione, la convivenza, il riconoscimento dell’esistenza di altri esseri viventi. Il linguaggio è puro, sincero, creativo, senza sfumature ideologiche di questa fase diell’umanità, che ci permetterá di essere d’accordo per essere assertivi, per non fallire nella diagnosi, e non improvvisare sulle azioni. Il Linguaggio ambientalista, è la lingua suprema.
Lenin Cardozo | ANCA24 - Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia

No hay comentarios.:

Publicar un comentario