miércoles, 2 de mayo de 2012

I boschi boreali o Taiga: cosa sono?

I boschi boreali o boschi del nord, boreale in greco significa norte, conosciuti anche come Taiga -boschi boreali russi, Taiga è una parola russa che significa “foresta, bosco freddo”- è un bioma o una area biotica, cioè, una determinata parte del pianeta che condivide il clima, vegetazione e fauna che si sviluppano a sud della tundra. La tundra è un bioma caratterizzato da un sottosuolo freddo e la mancanza di vegetazione boschiva , che si estende principalmente per l’emisfero norte: in Siberia, Alaska, nord di Canada, sud di Groelendia e la costiera Artica di Europa, che formano queste foreste boreali, uno banda quasi continua delle foreste di conifere che si estendono per le regioni subartiche all’interno della Eurasia e Nord America.
Le foreste boreali sono i boschi più nordici del pianeta -la maggior parte si estende tra i 50 ei 60 gradi di latitudine nord-. Questo bioma appare solo nell’emisfero settentrionale, in quanto nell’emisfero meridionale a queste latitudini non ci sono masse continentali. Eppure così è uno dei più grandi biomi sulla Terra. Si estende dall’Alaska e dal Canada nel continente del Nord America e in Scandinavia e nel nord della Russia –Siberia- in Eurasia. E sono le foreste boreali accanto alla tundra, uno dei biomi principali dei climi freddi della Terra. Questi boschi boreali sono formati principalmente di conifere -abete rosso, abete, pino, larice- e durante la maggior parte dell’anno sono coperte di neve. Il suo aspetto è di solito molto omogeneo, in quanto sono dominati da poche specie con un aspetto simile: alberi di tronchi diritti e affusolati, con foglie piccole e stretta –aciculari-.
Con queste condizioni ambientali di tempo severo, terreni ghiacciati la maggior parte dell’anno e terreni poveri di nutrienti, sono le conifere che dominano la vegetazione. Questo tipo di alberi -i cui semi sono racchiusi in coni o ananas- erano più comuni nelle precedenti epoche geologiche, mentre allo stato attuale, sono le angiosperme -le vere piante con fiori-, più evolute e diversificate, che dominano la maggior parte dei biomi terrestri. Le conifere, oggi, sono solo dominante nelle foreste boreali e le aree montane nelle regioni temperate, formando il confine sia latitudinale come altitudinale della vegetazione arborea.
La forma di crescita dei boschi boreali di conifere è principalmente determinata dalla sua caratteristica forma conica, che favorisce la caduta di neve accumulata sui rami e previene la rottura, e dalle sue foglie aghiformi -quindi anche conosciuta come boschi “aciculifolios”-. Questo tipo di foglie strette e spesse cuticole, cerate e impermeabile all’acqua, consente loro di resistere alle gelate e la siccità, in cui presentano una superficie di traspirazione molto ridotta. Anche se questi climi sono umedi, in inverno l’acqua del suolo è ghiacciata e gli alberi non possono assorbirla -siccità invernale- e sostituire quella persa per evaporazione.
Altri alberi evitano questa perdita di acqua facendo cadere le foglie in inverno, ma le conifere sono per lo più “perennifolias” sempreverdi. La permanenza delle foglie in inverno -boschi di conifere o sempreverdi- consente loro di svolgere la fotosintesi in quanto aumenta la temperatura in primavera e si disgela il suolo, sfruttando meglio la breve stagione di crescita.
Nella sua fascia più settentrionale di Gaza e vicino alla tundra la crescita di queste foreste è molto lenta e gli alberi non arrivano troppo alto -a causa della povertà del suolo, al permafrost, e alle basse temperature-. Non sono boschi molto chiusi e hanno un sottobosco con una grande abbondanza di licheni –bosco boreale aperto o vera taiga-. I boschi se sono alterati da incendi, dall’estrazione mineraria o dal disboscamento, il loro recupero è molto lento..
Più ci spostiamo verso il sud i boschi sono più densi e più alti –bosco boreale chiuso-, fino alle vicinanze dei boschi temperati dove si arrichiscono con specie arboree caducifoglie tipiche di quest’altro bioma. Oltre alle foreste di caducifoglie, può anche limitare al sud con le grandi praterie americane o con le steppe asiatiche. Gli adattamenti della fauna selvatica a questo clima più rigoroso includono: la migrazione -la maggior parte degli uccelli-, ibernazione -mammiferi come l’orso-, pelliccia bianca invernale -volpe, il lupo, lepre, civetta-, lo stoccaggio dei semi per l’inverno -certi uccelli, scoiattoli- e lo sviluppo di cappotti invernali, con elevato isolamento termico -zibellino, ermellino-.
Proteggere le foreste boreali significa proteggere il clima Le immagini degli alberi giganti crollando nelle regioni tropicali concentrano il dibattito sulla protezione delle foreste. Tuttavia, i boschi delle latitudini temperate e fredde svolgono anche un ruolo determinante nella lotta al cambiamento climatico. I boschi o foreste boreali, diventano una delle regioni chiave per il clima globale. Secondo le stime degli scienziati che studiano questi biomi, soltanto tra il 2% e il 3% di loro sono sufficientemente protetti. I boschi boreali sono una regione chiave dal punto di vista ecologico, in quanto, a causa della sua sensibilità ai cambiamenti e le loro dimensioni possono influenzare il clima. In Canada, così come in Russia e Scandinavia, le foreste boreali sono minacciate dalla produzione di legname sostenibili e la progressiva urbanizzazione di nuove aree.
Un bosco boreale intatto non solo può immagazzinare grandi quantità di carbonio. È anche più resistenti agli effetti del riscaldamento globale. Proprio il contrario di ciò che accade con quelli boschi boreali in cui gli alberi più robusti sono scomparsi per il disboscamento intensivo, così come conclude uno studio approfondito effettuato dagli scienziati canadesi commissionato da Greenpeace.
Particolarmente problematico è lo scioglimento dello strato di suolo che si trova in modo permanente congelato, conosciuto come permafrost, e su cui crescono molti di questi boschi di conifere. Un terreno che per migliaia di anni ha immagazzinato gas a effetto serra. Quando il permafrost si scioglie, facilita l’emissioni nell’atmosfera di gas metano nocivo per l’ambiente. I boschi sani sono in grado di trattenere a terra gran parte di questi gas. Il dibattito pubblico: i boschi tropicali spostano l’attenzione mondiale dei boschi boreali o taiga Spesso i boschi che si trovano nelle regioni fredde svolgono un ruolo secondario nel dibattito sulla protezione forestale a livello mondiale. Purtroppo, c’è scarsa conoscenza nel pubblico canadese e mondiale del significato e la sensibilità di questo problema. La protezione dei boschi tropicali copre la scena mondiale, purtroppo, sul tema della deforestazione e del suo impatto sul cambiamento climatico.
AZUL Ambientalistas -Environmentalists BLUE- ha proposto di sviluppare un programma educativo in Canada, relativo alla protezione di questo importante bioma.
Lenin Cardozo | ANCA24 - Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia

No hay comentarios.:

Publicar un comentario