jueves, 26 de abril de 2012

I popoli indigeni dell’Amazzonia e del Altipiano Sudamericano. I boschi primari

Dei 300 milioni di persone indigene che esistono in tutto il mondo, i boschi primari sono stati il rifugio di circa 150 milioni di loro. Si stima che essi ospitano circa 1.500 gruppi etnici o tribú. L’amore per la madre natura, la sua riverenza tutti i giorni in ringraziamento per il cibo che essa gli fornisce, è il denominatore comune di queste comunità.
Per questi popoli originari, il rispetto per la vita, è il principale valore è lo più sacro. L’avarizia, avidità o accumulazione di ricchezza, sono comportamenti che non entrano nella loro cosmovisione della vita. Così antica come i boschi primari sono quelle stesse comunità. E il suo destino è legato alla fragilità di questi boschi.
Di seguito verrà descritto molto succintamente, lo stile di vita delle principali comunità indigene, nei loro rispettivi ambienti. I popoli indigeni dell’Amazzonia
L’amazzonia, chiamata anche foresta equatoriale o foresta pluviale amazzonica ha una superficie di 6 milioni di chilometri quadrati e comprende nove paesi del Sud America: Brasile, Colombia, Perú, Venezuela, Ecuador, Bolivia e le Guyane: Guyana, Guyana Francese e Suriname.
Questo bosco primario ha circa di 20 milioni di persone indigene, tra cui circa 180.000 nativi americani e molti altri cablocos -abitanti tradizionale della foresta amerindi e portoghesi-.
Distribuito in 215 diversi gruppi etnici e 170 lingue diverse. I gruppi principali sono Aché, Arahuac, Arutani, Amanyé, Awá, Baniwa, Botocudo, Chamacoco, Chiripá, Cubeo, Enawene nawe (Saluma), Guajibo, Warao, Mapoyo, Maquiritare, Pemon, Piaroa, Puinabe, Sape, Yaruro, Guenoa, Guaraníes, Guaycurú, Hupdë, Káingang, Kamayurá, Karajá, Kayapó, Korubo, Mbyá, Munduruku, Ofaié, Paí tavyterá, Panará, Payaguá, Pirahã, Quilombolo, Tapirape, Ticuna, Tremembé, Tucano, Tupí, Tupiniquin (Tupinikim), Xavante, Xokó, Xucuru, Yanomami, Yawanawa.
La maggior parte dei popoli indigeni dell’Amazzonia hanno visto il loro territorio ridotto al minimo dopo le successive invasioni, espulsioni e usurpazioni nelle mani dei governi, compagnie del legname, allevamenti di bestiame e grandi piantagioni. Il contatto con i coloni, i cercatori d’oro e gli altri lavoratori, che spesso operano illegalmente, hanno causato continue epidemie di malattie davanti alle quali i popoli indigeni non hanno difese immunitarie. Molte comunità sono state decimate. Dipendono dei boschi per vivere. Dalla foresta estragono cibo, rifugi, strumenti e medicine. Inoltre, i boschi svolgono un ruolo cruciale nella loro cultura e le credenze religiose.
I popoli indigeni dei boschi del Altipiano Sudamericano
Il Altipiano del Sud America è un territorio che concentra un’alta popolazione delle comunità indigene. Si stima circa 25 milioni, distribuiti in più di 100 gruppi etnici. Di cui 10 milioni sono dipendenti dai loro boschi.
In Argentina e Cile, i Mapuche di Huitrapulli; i Pehuenche, vivono nei boschi di Araucarias nella Valle di Quinquén Cileno; o il popolo Wichí, nel nord dell’Argentina. Tradizionalmente, questi popoli sono sopravvissuti grazie alla ricchezza naturale del bosco in cui vivono. Inoltre, questi boschi sono la base della religione, la loro spiritualità e la loro cultura.
Si evidenziano anche e gli Aymara, che rappresenta una popolazione di circa 4 milioni di persone nel subcontinente. La popolazione di lingua Quechua, che raggiunge i 15 milioni di persone in America.
Le Atacameños, la cui cosmovisione esprime una profonda e intensa interazione con la natura, in particolare con l’acqua, in quanto è una società di cultura del deserto. Le Collas, dove la loro cultura è collegata alla cosmovisione del mondo andino, basata su una conoscenza profonda della flora e fauna che vivono con loro nelle zone di montagna.
Altri gruppi principali etnici: Huánuco, Asháninka, Chamicuro, Culina, Machiguenga, Nomatsiguenga, Yine, Shawi, Shiwilu, Harakmbut, Bora, Huitoto, Ocaina, Achuar, Awajun, Kandozi, Wampis, Jíbaro, Amahuaca, Capanahua, Cashibo-Cacataibo, Cashinahua, Mayuruna-Matsé, Nahua, Sharanahua, Shipibo, Conibo, Yaminahua, Capanahua, Cashibo, Cacataibo, Cashinahua, Mayuruna-Matsé, Nahua, Sharanahua, Shipibo-Conibo, Yaminahua, Yagua, Ese´Ejja, Orejón, Secoya, Kukama, Kukamiria, Arabela, Iquito, Tikuna, Urarina, Jaqi, Tupi Guaraní, Chiriguano, Izozeño, Guarayos, Sirionó, Yuqui, Tapiete, Guarasug’we, Chiquitano, Mojeño, Baure, Tacana, Ese Ejja , Cavineño, Araona , Toromona, Caimanes, Mosetenes, Mataco Noctene, Chipayas, Nitrato, Iruito, Ayoreo, Chacobo, Yaminahua, Paguara, Itenez, Yuracaré, Movida, Cayuvaba, Canichana, Lecos.
Lenin Cardozo | ANCA24 – Hugo E. Méndez U. | ANCA24 Italia

No hay comentarios.:

Publicar un comentario