lunes, 2 de abril de 2012

L’acqua potabile in America Latina, il prossimo sequestro: “un mercato che ha una volto che è buono”

Metà della popolazione vive sulla Terra in circa il 5% della della superficie no marittima del pianeta, e gran parte si fonda attorno a regioni costiere come gli estuari e bocche dei fiumi. La biodiversità di fiumi, laghi e zone umide è l’insieme di ecosistemi più minacciati della Terra. Quasi il 20% dei pesci d’acqua dolce sono scomparsi o sono in pericolo di farlo. Non si tratta solo di pesce. Anfibi, molluschi e molte altre specie sono anche in pericolo di estinzione.
Gli esseri umani sono concentrati in prossimità dei corsi d’acqua provocando che i sistemi d’acqua dolce siano i primi habitat a degradarsi. Usano l’acqua, consumano le loro specie animali, usano i loro canali per spostarsi e come raccoglitori di scarichi maritimi. L'acqua potabile rappresenta solo il 0,008% di acqua terrestre, facendo, talvolta, che il suo uso pone problemi complessi. Nelle aree urbane dei paesi no sviluppati 170 milioni di persone non hanno acqua potabile per soddisfare le loro esigenze minime: bere, cucinare o lavarsi, nelle aree rurali di questi paesi la situazione è più desolante in quanto raggiunge quasi 885 milioni.
Risulta, inoltre, che la fornitura di acqua dolce nel mondo sta diminuendo inesorabilmente. Una persona su cinque non ha accesso all’acqua potabile e quasi uno su tre non dispone di mezzi adeguati per fare che l’acqua sia potabile. Alcuni esperti ritengono che la scarsità d’acqua potrebbe essere una delle principali cause di guerre tra i paesi nel futuro, soprattutto nelle aree più secche. Solo facendo un corretto uso ed equo potrebbe prevenire gli effetti catastrofici di questa situazione.
In America Latina, le tensioni per la mancanza del prezioso liquido si fa sentire in settori quali l’Altiplano e Puna che è una vasta regione che copre Ecuador, Perù, Bolivia, Cile e Argentina, caratterizzata da una zona arida. La scarsità d’acqua ha generato tensioni in passato, come le recenti controversie tra la Bolivia e Cile per un piccolo corso d’acqua conosciuto come il Silala. La regione è anche molto fragile e affronta gravi problemi di desertificazione, causata da diversi fattori, tra cui lo sfruttamento eccessivo dei pascoli e dell’agricoltura intensiva.
Questa situazione ha fatto sì che la povertà sia diffusa nella zona ed è al centro di continui problemi sociali. Alcuni paesi, come la Bolivia, hanno cercato di stabilire una legge di acqua per l’uso corretto di questa risorsa, ma anche questo ha creato tensioni nella zona. Lo stesso avviene nella vasta regione di “El Chaco” condiviso da Argentina, Bolivia e Paraguay, con le risorse naturali caratterizzate dalla loro fragilità e la relativa scarsità, oltre a una piccola popolazione emarginata.
Questa regione soffre di gravi problemi di desertificazione, che colpisce la povertà dei loro abitanti. L’acqua è solo una delle risorse scarse, nonostante abbiano due grandi fiumi che disegnano la regione: il Pilcomayo e Paraguay. Quando piove, l’acqua scorre attraverso i burroni con tale forza che distrugge ogni cosa trovi nel sul suo cammino. Le risorse idriche del Chaco affrontano anche problemi di inquinamento, che in passato ha generato tensioni e che hanno portato alla necessità di un’zione coordinata da parte dei paesi della regione.
Lo stesso problema si pone in Città del Messico che sta affondando a causa della quantità di acqua estratta da sotto le sue fondamenta. Una delle città più grandi e più popolata del mondo, Città del Messico era una terra fertile di laghi. Tuttavia, negli ultimi 500 anni, i laghi sono stati prosciugati e le foreste circostanti sono stati tagliate. Mentre la città cresceva, il problema dell’acqua diventava più grande.
A causa della mancanza di un adeguato sistema di drenaggio, oggi l’acqua piovana viene miscelata con i rifiuti e viene utilizzata per l'irrigazione. La città si affaccia ora ad un grave rischio di rimanere senza acqua potabile. Si stima che il 40% della acqua della città si perde attraverso fughe nelle fogne costruite agli inizi del secolo. In Brasile, oltre 17 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile. Diversi studi hanno dimostrato che il 70% del consumo di acqua va all’agricoltura, il 20% per l’industria e solo l’8% è per uso umano.
E i proprietari della dottrina Monroe, dove “l’America è per gli americani” ha una situazione più impegnata nel suo territorio, perché il 95% di acqua potabile è sotterranea. Le loro fonti d’acqua sono in secca perché i contadini delle alte pianure di Texas pompano il liquido più velocemente di quanto la pioggia li riempie. Il più grande acquifero negli Stati Uniti, il Ogallala, è in via di esaurimento a una velocità di 12.000 milioni di metri cubi (m3) all’anno. La riduzione complessiva fino ad oggi raggiunge circa 325.000 milioni di m3, un volume che equivale al flusso annuo di 18 fiumi del Colorado. Il Ogallala si estende dal Texas a Dakota del Sud e le sue acque alimentano un quinto delle terre irrigate degli Stati Uniti. Non c’è bisogno di essere un Jules Verne o pitoniso, per esprimere un allarme, davanti al più grande predatore di tutti i tempi, che sicuramente iniziarà a guardare la faccia del Sud quando non abbia più da bere acqua potabile.
Lenin Cardozo / Hugo E. Méndez U. / ANCA24 Italia

No hay comentarios.:

Publicar un comentario